Intervista a John Waters, per non dimenticare il referendum irlandese

27 ottobre 2015 Commenti disabilitati su Intervista a John Waters, per non dimenticare il referendum irlandese

Di uomini liberi ce ne sono sempre meno e sempre più difficilmente riconoscibili e scopribili, immersi come siamo in strepiti sempre più rumorosi e polverosi. John Waters è uno di questi. È un semplice copia&incolla dal sito di Tempi, sì, ma ho bisogno di ricordarlo anche qui cosa ha fatto John Waters e cosa ha detto (a contrario di certi ambienti cattolici, irlandesi e non).

“La Chiesa è “esperta di umanità”, come ha detto papa Ratzinger riprendendo Paolo VI: se non offre il suo patrimonio di saggezza e di conoscenza dell’uomo, che cosa se ne fa? Si possono aggiornare le dottrine, ma non per compiacere il mondo! Non si può cambiare la verità solo perché i tempi sono duri. Non è vero, come ci vogliono far credere, che c’è una visione tradizionalista del mondo che si oppone a una visione più illuminata. La verità è che se rompiamo le leggi che definiscono la nostra limitatezza creaturale, ne deriveranno disastri. Questo la Chiesa deve dirlo senza paura, fosse anche solo perché venga messo a verbale. Domani potrà dire che aveva messo in guardia dalle conseguenze negative che poi si sono realizzate“.
[Leggi tutto]

Bazzecole

21 ottobre 2015 Commenti disabilitati su Bazzecole

Libro di storia

L’incredibile importanza riservata al Cristianesimo in un libro di storia di una scuola media statale italiana. Del resto che cosa avrà mai apportato alla civiltà europea il Cristianesimo? E chi sarà mai stato Colui che ha fatto scaturire questa scintilla che ha incendiato l’Europa nei secoli successivi, visto che non viene nemmeno citato per nome?

Da “Il quinto evangelo” di Giacomo Biffi

14 ottobre 2015 Commenti disabilitati su Da “Il quinto evangelo” di Giacomo Biffi

Laddove Matteo narrando l’episodio dei magi, scriveva: «Prostràti lo adorarono. Poi aperti i loro scrigni gli offrirono in dono oro, incenso e mirra». Il quinto evangelo correggeva: «Prostratisi, lo adorarono. Poi aperti i loro scrigni, gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Ma disse Giuseppe: “L’oro non lo possiamo accettare, perché è segno di ricchezza e contamina chi lo dà e chi lo riceve”».

[Leggi tutto]

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per ottobre, 2015 su Quid est Veritas?.