Che bello…

24 marzo 2015 Commenti disabilitati su Che bello…

È importante che sia un’ebrea a convertirsi? Sì, forse sì. Però basterebbe che queste parole fossero dette da qualsiasi persona per essere toccati e commossi. Leggiamo prima queste frasi e poi andiamo a leggere la storia di chi si è convertito.

Fu allora che, quando ormai aveva toccato il fondo a causa della sua vita dissipata, incontrò padre Pierre-Marie Delfieux, fondatore della fraternità monastica di Gerusalemme, insediata a Saint-Gervais. «In poche settimane, Dio mi ha ricostruita», ha detto Veronique. Lo ha riconosciuto anche il fratello Bernard: «Nella vita di Véronique, c’è stato un corpo a corpo con il male, con un picco poco prima della sua conversione; ci furono anche grazia e redenzione: è diventata un’altra. La sua anima è cambiata». […]
«la Chiesa è un ospedale per le anime ferite, quelle che la psichiatria o la psicoanalisi non possono curare. Essa propone quello che il mondo secolare ha dimenticato: il perdono, la redenzione. Essa apre un cammino di libertà, scioglie i nodi. Il Signore non divide, ma unisce, dà un nome, ordina e quest’ordine è la bontà». Ora riconosce che quella Chiesa che prima accusava di misoginia, ha ricostruito «la sua femminilità danneggiata». È in questo nuovo inizio, spiega Veronique, che «ho trovato la mia casa».
[Leggi tutto]

Tag:

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Che bello… su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: