Costantino e dintorni/10

6 settembre 2011 Commenti disabilitati su Costantino e dintorni/10

Il 6 settembre 394 si svolse la battaglia sul fiume Frigido, l'attuale Vipacco, affluente dell'Isonzo, tra l'esercito d'Occidente guidato dai pagani Flavio Eugenio e Arbogaste e l'esercito d'Oriente del cristiano Teodosio.

"Un conflitto per il trono è stato all'origine di una rivoluzione religiosa; il divieto del paganesimo è comprensibile solo in questo contesto politico. E non è stato tanto il divieto in sé, nel 392, ad avere messo fine al paganesimo, quanto la successiva disfatta del partito pagano su un campo di battaglia, avvenuta nel 394. L'ambizione di un capo germanico […], un tentativo di usurpazione come tanti altri e una rivolta religiosa del senato di Roma furono l'occasione di un avvenimento di portata globale come la scomparsa definitiva del paganesimo.
Restava solo da confermare il divieto con la vittoria. […] L'esercito d'Occidente fu annientato, Eugenio fu decapitato dai vincitori e Arbogaste si tolse la vita".

Come era giù accaduto a Ponte Milvio, "Sembra che la Provvidenza abbia preso parte alla propria vittoria: durante la battaglia si era levato il vento impetuoso della penisola balcanica, la bora, respingendo contro i pagani i lanci dei loro giavellotti".
Paul Veyne, Quando l'Europa è diventata cristiana (312-394), Cap. 8

 

Costantino e dintorni/9
Costantino e dintorni/8

Costantino e dintorni/7
Costantino e dintorni/6
Costantino e dintorni/5
Costantino e dintorni/4
Costantino e dintorni/3
Costantino e dintorni/2
Costantino e dintorni

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Costantino e dintorni/10 su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: