Piromani

13 luglio 2011 Commenti disabilitati su Piromani

Una signora dice che è colpita da quella gente, che senz'altro hanno qualcosa in più, ma "certe persone esagerano, paiono esaltate, invasate".
"Sì, forse spaventano"
"Esatto. Si tratta proprio di spavento"
"Eppure sono forse simili a quei discepoli che «sentivano ardere il cuore» dopo aver visto da vicino Cristo".
Un volto perplesso rimane sulla signora.

Cosa è diventato il cristianesimo se chi agisce in base alla propria fede "spaventa"? Se "spaventa" la fede rispecchiata nella propria vita? Si accettano quei pochi che vanno ancora a messa, si accetta un po' di più chi prega, in fondo pregano anche gli sciamani, non è necessario essere cattolici per pregare. Si accetta addirittura chi vive la sua spiritualità, basta che rimanga nella sfera privata.
Ma chi "arde" per Cristo è un'eccezione che spaventa, che destabilizza anche il cristiano "normalizzato", colui che vive il cristianesimo in modalità silenziosa, seppur convinta. Eppure Santa Caterina lo diceva: "Se sarete quello che dovete essere, darete fuoco al mondo". 
Invece il cristianesimo è diventato forse come una spillina da mettere sul bavero della giacca, da mettere e togliere quando fa comodo, ma non è più il vestito risplendente da indossare, che colpisce chi lo guarda, che fa sorgere il desiderio di indossarlo (infatti in chiesa non ci si va più con il vestito bello della domenica, ma in ciabatte e bermuda, specie gli uomini). Eppure solo con quello addosso la vita può cambiare perché il vestito lo vede anche il miope. La spillina si può confondere con qualsiasi altro simbolo, magari di qualche associazione di volontariato.

 

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Piromani su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: