Verità e Scienza

15 giugno 2011 Commenti disabilitati su Verità e Scienza

«Perché la verità è tale che si offre sempre a una verifica. Tanto che la certezza non è mai statica: o svanisce o aumenta, non sta ferma. E non solo. La conoscenza della verità ha anche un’altra caratteristica: è inesauribile. […] La risposta a una data questione non è mai conclusiva. Per esempio, se e quando troveremo la Particella di Dio, questa scoperta aprirà più domande di quante saranno le risposte che ci darà. È sempre così. Quando tu arrivi a spiegare un certo livello della natura, e la spiegazione è soddisfacente e razionale, c’è sempre l’indicazione di un livello ulteriore, ancora più profondo, di conoscenza. È la stessa cosa che sperimentiamo nel voler bene a una persona. Non smettiamo di conoscerla, non la esauriamo. Così, nel nostro spingere nella conoscenza della realtà, non finiamo mai. Eppure il mondo è finito! E questo per me è il segno più evidente che esiste un infinito dentro il finito»
Lucio Rossi, fisico del Cern di Ginevra [Leggi tutta l'intervista]

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Verità e Scienza su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: