Volare

26 maggio 2011 Commenti disabilitati su Volare

Perché non ci soddisfa mai nulla, pur avendo vite interessanti? Perché appena visti luoghi bellissimi, si desidera visitare altri luoghi altrettanto belli? Perché con la mente non facciamo che voli fantastici, sognando di andare "Dalle Alpi alle Piramidi, dal Manzanarre al Reno"?
Non sosteremmo mai; voleremmo come api da un fiore a un altro.
Perché?
Credo che tutto sia stupendamente sintetizzato da questo pensero di Leopardi.

«Il non potere essere soddisfatto da alcuna cosa terrena, né, per dir così, dalla terra intera; considerare l'ampiezza inestimabile dello spazio, il numero e la mole maravigliosa dei mondi, e trovare che tutto è poco e piccino alla capacità dell'animo proprio; immaginarsi il numero dei mondi infinito, e l'universo infinito, e sentire che l'animo e il desiderio nostro sarebbe ancora più grande che sì fatto universo; e sempre accusare le cose d'insufficienza e di nullità, e patire mancamento e voto, e però noia, pare a me il maggior segno di grandezza e di nobiltà, che si vegga della natura umana».
Giacomo Leopardi, Pensieri, LXVIII

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Volare su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: