Profeti/6

19 maggio 2011 § 16 commenti

E se ci è arrivato Napoleone…

"È stata una guerra, un lungo combattimento durato trecento anni, cominciato dagli apostoli e proseguito dai loro successori e dall’onda delle generazioni cristiane. Dopo San Pietro i trentadue vescovi di Roma che gli sono succeduti sulla cattedra hanno, come lui, subìto il martirio. Durante i tre secoli successivi, la cattedra romana  fu un patibolo che procurava sicuramente la morte a chi veniva chiamato. […]  In questa guerra tutti i re e tutte le forze della terra si trovavano da una parte, mentre dall’altra non vedo nessun esercito, ma una misteriosa energia, alcuni uomini sparpagliati qua e là nelle varie parti del globo e che non avevano altro segno di fratellanza che una fede comune nel mistero della Croce. […] Potete concepire un morto che fa delle conquiste con un esercito fedele e del tutto devoto alla sua memoria? Potete concepire un fantasma che ha soldati senza paga, senza speranza per questo mondo e che ispira loro la perseveranza e la sopportazione di ogni genere di privazione? Questa è la storia dell’invasione e della conquista del mondo da parte del cristianesimo. Ecco il potere del Dio dei cristiani e il miracolo perpetuo del progresso della fede. […] I popoli passano, i troni crollano e la chiesa rimane. Qual è, dunque, la forza che mantiene in piedi questa chiesa, assalita dall’oceano furioso della collera e dell’odio del mondo? [….] Che abisso tra la mia profonda miseria e il regno eterno di Cristo, pregato, incensato, amato, adorato, vivo ancora in tutto l’universo”.
Napoleone Bonaparte, tratto da «La guerra contro Gesù», di Antonio Socci e recensito da Assuntina Morresi per il Sussidiario

§ 16 risposte a Profeti/6

  • ago86 scrive:

    Davvero un ottimo libro. Lo hai letto? Io sì, e mi è piaciuto tantissimo.

  • quidestveritas scrive:

    Sono in lettura…Ha già dato un paio di schiaffoni ad Augias e ad Odifreddi.

  • ago86 scrive:

    Del libro di Socci condivido quasi tutto, eccezion fatta per il capitolo sul frammento 7Q5 di Qumran. Anche se devo dire che è comunque ben scritto e il dubbio lo mette in mente, e nel mio caso mi ha fatto optare per la sospensione del giudizio.

  • IlCensore_ scrive:

    «Potete concepire un morto che fa delle conquiste con un esercito fedele e del tutto devoto alla sua memoria? Potete concepire un fantasma che ha soldati senza paga, senza speranza per questo mondo e che ispira loro la perseveranza e la sopportazione di ogni genere di privazione?»

    Io sì. Qualcuno qui ha mai sentito parlare di Joseph Smith?

    Tra l'altro, da qualche parte ho letto che il tasso di crescita dei cristiani nei primi tre secoli dell'era corrente (se n'era parlato anche in questo blog) sia praticamente identico a quello dei Mormoni.

    @ago86: cosa dice Socci riguardo a 7Q5?

    Saluti

  • ago86 scrive:

    Altra figuraccia rimediata dal censore: Joseph Smith non è un Dio, visto che i mormoni non lo reputano Dio. La solita tattica del censore è quella di confondere i temirni delle questioni sperando che la gente sia stupida da cascarci. Qui non attacca, censore.

  • quidestveritas scrive:

    Confermo che se ne era parlato Censore. Ma la natalità non è che spieghi molto, visto anche la natalità dei popoli islamici, e quelli sottosviluppati in generale. La considerazione di Napoleone è di altro genere…

  • utente anonimo scrive:

    "era corrente" è un neologismo significante quanto "epoca sdrucciolevole" e "anni di cacca". 
    Ad ogni modo, tralasciando le reminescenze da ghigliottina, dove sarebbe riportata in dettaglio la fantomatica crescita di questi mormoni? Vorremmo confrontarla anche noi con quella dei cristiani.

    Socci? Non è un bugiardo. L'unico bugiardo è chi lo accusa attraverso i suoi commenti disumani ed il suo blog pieno d'odio. Un certo collezionista di figuracce e spot contro sé stesso…
    😀

  • utente anonimo scrive:

    «Altra figuraccia rimediata dal censore: Joseph Smith non è un Dio »

    La solita figura di ago, invece, dato che si parlava di "morto", e Joseph Smith è morto. (Ago, ma vista la tua recente figura riguardo ad Achille, non potevi quanto meno tenere un profilo basso? Ti piace proprio fare queste figuracce?)

    «la natalità non è che spieghi molto, visto anche la natalità dei popoli islamici, e quelli sottosviluppati in generale»

    Che c'entra la natalità? I mormoni non sono mica tutti figli di Smith, né sono sottosviluppati: si sono diffusi tramite conversioni (oltre che facendo figli, ovvio), con lo stesso tasso dei cristiani.

    «La considerazione di Napoleone è di altro genere…»

    Napoleone non parlava di «esercito» e di «conquista» in senso letterale, ma figurato.

    IlCensore

  • utente anonimo scrive:

    «la fantomatica crescita di questi mormoni? Vorremmo confrontarla anche noi con quella dei cristiani.»

    In un altro commento si parla di una crescita dei cristiani pari al 3,4% annuo (stima di Stark). Se i Mormoni fossero cresciuti con la stessa velocità, nei loro 180 anni di storia dovrebbero essere diventati 410 volte quelli iniziali; non ho una stima di quanti fossero, ma dubito che abbiano convertito di botto più di 1000 persone, dunque, se fossero cresciuti come i cristiani, dovrebbero essere 410.000.

    Anche considerata l'esplosione di popolazione mondiale (passata da circa 1,2 miliardi nel 1850 a circa 6,8 nel 2010), se fossero cresciuti come i cristiani il loro numero dovrebbe essere di 2,3 milioni circa.

    In realtà sono oltre 12 milioni.

    «Socci? Non è un bugiardo.»

    Perché tira in ballo Socci?

    «L'unico bugiardo è chi lo accusa attraverso i suoi commenti disumani ed il suo blog pieno d'odio.»

    La povertà delle sue argomentazioni è spaventosa. Innanzitutto dovrebbe dimostrare che i miei commenti sono «disumani» e il mio blog «pieno d'odio»; poi dovrebbe dimostrare che io attacco Socci nel mio blog; infine dovrebbe spiegare in che modo quei commenti sono disumani.

    «Un certo collezionista di figuracce e spot contro sé stesso…»

    Ne riparleremo quando avrà il coraggio di firmarsi.

    IlCensore

  • utente anonimo scrive:

    Errata: «infine dovrebbe spiegare in che modo quei commenti sono disumani.»

    Corrige: «infine dovrebbe spiegare in che modo quei commenti sono falsi.»

    IlCensore

  • quidestveritas scrive:

    Ho eliminato il flame che si è protratto troppo su questo topic.
    Chiedo scusa se nel mezzo c'erano anche considerazioni non riconducibili a flame, ma bisognerebbe avere la accortezza di scrivere seguendo la ragione e non il tifo da stadio.
    @Censore.
    Censore, nonostante i mormoni siano degli "eretici", rientrano nella sfera cristiana,  quindi non capisco come fai a sostenere che essi seguano un morto…

  • IlCensore_ scrive:

    «Censore, nonostante i mormoni siano degli "eretici", rientrano nella sfera cristiana, quindi non capisco come fai a sostenere che essi seguano un morto…»

    Intendo dire che il Mormonismo è stato inventato da Smith, a partire dal Cristianesimo certo, ma è una sua invenzione radicale. Ed è seguendo lui (morto) che si sono sviluppati in quel modo.

    Certo, se mi chiedi se Smith sia considerato dai Mormoni come Gesù la risposta è no. Ma allora è un'impresa impossibile quella posta da Napoleone, dato che nessuno è Gesù, oltre Gesù.

    Ciao

  • quidestveritas scrive:

    Seguono Smith, come i Luterani seguono le indicazioni di Lutero o i Calvinisti seguono Calvino. Ma sempre cristiani sono…
    Il punto sollevato da Napoleone sta proprio qui. Come si fa a seguire uno morto? Come si fa a morire per un morto? Cosa fa muovere per esso?
    «Che abisso tra la mia profonda miseria e il regno eterno di Cristo, pregato, incensato, amato, adorato, vivo ancora in tutto l’universo”».
    Questo è il Napoleone dell'esilio a Sant'Elena, chiaramente, perché prima di certo non era un ammiratore di Cristo…
     

  • IlCensore_ scrive:

    «Seguono Smith, come i Luterani seguono le indicazioni di Lutero o i Calvinisti seguono Calvino.»

    Né Lutero né Calvino hanno scritto un nuovo libro rivelato, però, come invece ha fatto Smith col Libro di Mormon. Nessuno di loro, cioè, ha inventato una nuova religione, come hanno fatto Smith e Gesù.

    «Il punto sollevato da Napoleone sta proprio qui. Come si fa a seguire uno morto? Come si fa a morire per un morto? Cosa fa muovere per esso?»

    Nello stesso modo in cui si segue Smith, appunto, sulla cui parola si basa la fede dei mormoni.

    «Che abisso tra la mia profonda miseria e il regno eterno di Cristo, pregato, incensato, amato, adorato, vivo ancora in tutto l’universo”».

    Non era a questo che rispondevo, ma all'affermazione che un morto avesse seguaci disposti a morire per lui.

    Ciao.

  • quidestveritas scrive:

    Continuo a ritenere l'esempio non calzante, Censore, anche se possono esserci delle coincidenze, come per esempio sull'esplosività della setta di Smith, che nasce e si propaga, ripeto, in un contesto cristiano, seppur eretico.

  • IlCensore_ scrive:

    «Continuo a ritenere l'esempio non calzante, Censore»

    Perché? Forse i Mormoni non seguono gli insegnamenti di un uomo morto? Forse non sono devoti alla sua memoria? Non sono a lui fedeli al limite del martirio?

    «anche se possono esserci delle coincidenze, come per esempio sull'esplosività della setta di Smith, che nasce e si propaga, ripeto, in un contesto cristiano, seppur eretico.»

    Senza dubbio, ma a prescindere dall'eresia, si tratta di una religione diversa, che cresce col ritmo del Cristianesimo delle origini.

    Saluti

Che cos'è?

Stai leggendo Profeti/6 su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: