Nessun uomo è un'isola

1 marzo 2011 Commenti disabilitati su Nessun uomo è un'isola

«La conoscenza del prossimo ha questo di speciale: passa necessariamente attraverso la conoscenza di se stesso».
Italo Calvino

Non mi sono trovata del tutto d'accordo con questa affermazione letta, affascinante, sì, ma a metà, incompleta. Son infatti convinta che la conoscenza di se stessi passa necessariamente attraverso la conoscenza del prossimo. Il ripiegarsi esclusivamente su se stessi è eliminare la realtà in cui siamo immersi, ma soprattutto è eliminare quelle relazioni con cui fin da quando nasciamo abbiamo contatto. L'esempio più semplice per dimostrare ciò è osservare il bambino, il quale apprende della sua esistenza, della sua persona, del suo Io, solo attraverso gli altri, prima la mamma, poi la famiglia intera, poi gli amici, poi relazioni di altro tipo. Venendo a contatto con tutte queste persone accresce la sua personalità, apprende la realtà e soprattutto conosce meglio se stesso.
Solo guardando il bambino possiamo ricordarci che il bisogno primario di ogni uomo è amare ed essere amato e per farlo occorre il prossimo, l'altro.

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Nessun uomo è un'isola su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: