Imprigionati

16 febbraio 2011 § 2 commenti

«Io sono fatto così».
Come colpire un muro. E non si tratta di bambini, stavolta, ma di adulti, bloccati nella pietra. Ingessati. Incatramati.
Che non vogliono crescere, non vogliono cambiare, ascoltare, misurarsi, piegarsi, ridursi, in definitiva amare. Si piacciono così, deformi, un blocco unico di pietra.
Eppure noi dovremmo essere come blocchi di marmo sotto le mani di uno scalpellatore: miglioriamo, prendiamo forma e linea, diventiamo belli.
Da solo, certo, un blocco di marmo rimane tale.

    

§ 2 risposte a Imprigionati

Che cos'è?

Stai leggendo Imprigionati su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: