Uomo allo specchio

7 dicembre 2010 § 1 Commento

«Le modalità con cui l'uomo tratta l'ambiente influiscono sulle modalità con cui tratta se stesso e, viceversa. Ciò richiama la società odierna a rivedere seriamente il suo stile di vita che, in molte parti del mondo, è incline all'edonismo e al consumismo, restando indifferente ai danni che ne derivano. […]

Ogni lesione della solidarietà e dell'amicizia civica provoca danni ambientali, così come il degrado ambientale, a sua volta, provoca insoddisfazione nelle relazioni sociali. La natura, specialmente nella nostra epoca, è talmente integrata nelle dinamiche sociali e culturali da non costituire quasi più una variabile indipendente. […]

Il degrado della natura è infatti strettamente connesso alla cultura che modella la convivenza umana: quando l'« ecologia umana » è rispettata dentro la società, anche l'ecologia ambientale ne trae beneficio. Come le virtù umane sono tra loro comunicanti, tanto che l'indebolimento di una espone a rischio anche le altre, così il sistema ecologico si regge sul rispetto di un progetto che riguarda sia la sana convivenza in società sia il buon rapporto con la natura. […]

Se non si rispetta il diritto alla vita e alla morte naturale, se si rende artificiale il concepimento, la gestazione e la nascita dell'uomo, se si sacrificano embrioni umani alla ricerca, la coscienza comune finisce per perdere il concetto di ecologia umana e, con esso, quello di ecologia ambientale. È una contraddizione chiedere alle nuove generazioni il rispetto dell'ambiente naturale, quando l'educazione e le leggi non le aiutano a rispettare se stesse. Il libro della natura è uno e indivisibile […].

I doveri che abbiamo verso l'ambiente si collegano con i doveri che abbiamo verso la persona considerata in se stessa e in relazione con gli altri».
Benedetto XVI, «Caritas in Veritate», n. 51

La connessione tra ambiente e uomo, tra ambiente curato a misura d'uomo e vita "ordinata", tra degrado ambientale e vita sociale è sorprendente. Ci sono interconnessioni nascoste eppure evidenti che sconfessano l'idea di uomo-tubo digerente.

 

§ Una risposta a Uomo allo specchio

  • Asmenos scrive:

    Un bene che la Chiesa lo riconosca.
    Già nei lontani anni '70 il genetista americano Richard Lewontin sosteneva che l'ambiente seleziona gli organismi tanto quanto gli organismi selezionano l'ambiente.
    Un rapporto dialettico insomma.

Che cos'è?

Stai leggendo Uomo allo specchio su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: