Sotto il fango

11 ottobre 2010 Commenti disabilitati su Sotto il fango

Eugene Sladge è uno dei tre protagonisti della miniserie The Pacific, prodotta da Spielberg e Tom Hanks. È una persona realmente esistita, dal cui libro di memorie sono tratti alcuni episodi della Guerra del Pacifico, durante la Seconda Guerra Mondiale. È un soldato partito dagli Stati Uniti innocente e ingenuo  e vi ritorna trasformato dagli orrori ai quali ha assistito.
La mutazione di Sladge è un filo conduttore della miniserie. Pian piano che combatte e assiste agli orrori della guerra, muta, divenendo sempre più cinico e indifferente.
Ma poi vi è una svolta. In una capanna di civili, sull'isola di Okinawa, dopo aver assistito come inebetito al pianto di un bambino e non aver fatto nulla per prendersi cura di lui, assistendo invece all'opera premurosa di un altro soldato, viene scosso dalla richiesta di una donna giapponese morente che vuole che metta fine alle sue sofferenze con un colpo a sangue freddo.
È la scossa. Quello che lo fa riemergere dai peggiori incubi animati dalle cose reali a cui ha assistito.
La sua umanità non era finita. Non si era impadronita di lui totalmente. Sì, era sommersa dalla sporcizia e dagli orrori, dalla disumanità totale.
Ma l'umanità di un uomo non può morire. Basta un gesto d'amore, come quello di soccorrere un bambino e abbracciarlo teneramente, per risvegliare in lui pietà.
Sotto il fango delle brutture si cela l'umanità.

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Sotto il fango su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: