Appunti di viaggio

11 febbraio 2010 § 5 commenti

Sto buttando giù un itinerario per un viaggio che farò. Tante le cose da vedere. Ma sfogliando la guida ci si accorge che le cose più belle, quelle che si desiderano vedere da vicino e non più attraverso i libri, le immagini rubate su internet, sono tutte, o quasi tutte, appartenenti a chiese, alla storia cristiana dell’Italia. Chiese, santuari, basiliche, testimonianza di vita cristiana, ed anche i musei, magari civici, racchiudono arte sacra, splendori e meraviglie che testimoniano la ricerca di Bellezza.
Oggi, una civiltà che si separa volontariamente dal senso del sacro, va da sé che si separa anche dalla bellezza. Non c’è nulla da vedere che sia del XX secolo. Che sia cristiano o meno. 


Beato Angelico – Annunciazione, Firenze (Museo di San Marco)

§ 5 risposte a Appunti di viaggio

  • utente anonimo scrive:

    Del ventesimo secolo ce ne sono di bellezze, semmai è il 21esimo che è carente, anche perchè è appena iniziato. Il nesso bellezza-sacro non vale oggettivamente.
    Filippo

  • quidestveritas scrive:

    Non è un nesso esclusivo, chiaro. Il post è una mia personalissima opinione, frutto di un paio di settimane di lettura di guide e itinerari, di scelte di cosa vedere. Poi ognuno ha i suoi gusti. A me l’arte contemporanea interessa poco, soprattutto dal secondo dopo guerra in poi.

  • utente anonimo scrive:

    Ti restano Matisse, Modigliani e Pollock =)
    Fil

  • quidestveritas scrive:

    Caro Fil, non sono una critica d’arte. Posso permettermi di scegliere.

  • utente anonimo scrive:

    Ovvio che si, chi dice il contrario?! =)

Che cos'è?

Stai leggendo Appunti di viaggio su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: