"Ero carcerato e siete venuti a trovarmi"

8 febbraio 2010 § 2 commenti

Visitare i carcerati è una delle sette opere di misericordia corporali, forse la più importante, perché la più difficile e la meno praticata. Nei giorni scorsi abbiamo avuto modo di conoscere un cappellano di un carcere e davvero si percepisce l’umanità di chi svolge questo compito. Una frase emerge dall’intero colloquio: "C’è più Dio in carcere che in seminario". L’ha detto non per criticare il seminario in sé, ma per sottolineare il bisogno che l’uomo ha quando si trova privo di ogni "distrazione", di ogni "benessere". Quando l’uomo si trova nella condizione del carcerato, spesso nel silenzio, nelle difficoltà, nella solitudine, riesce a riscoprire il bisogno primario di cui necessita.

Forse non andremo mai a trovare i carcerati, ma anche solo parlare direttamente con qualcuno che ne vive la realtà, si scopre un’umanità ferita che non può essere dimenticata. Che chiede ai cristiani di fare i cristiani e che se essi non se la sentono di andare a fare visita, per lo meno pensino ai carcerati come uomini e li ricordino nelle loro preghiere. Perché probabilmente "loro" riceveranno più misericordia di noi che ce ne dimentichiamo cinicamente.

§ 2 risposte a "Ero carcerato e siete venuti a trovarmi"

  • utente anonimo scrive:

    Bravissima Quid!
    Anch’io ho un debole per i carcerati, per la loro tortura che supera di gran lunga la pena che meritano, e che è dovuta alla faciloneria con cui i nostri governi (di tutti i colori) trattano la sofferenza degli ultimi; per il lavoro o lo studio che viene offerto ad alcuni di loro come la vincita di una lotteria, ed invece sarebbe diritto di (e strumento di redenzione per) ciascuno.
    Grazie per questo commovente articolo.
    Forse te l’ho già detto, ma sai che hai una bella "pennetta" (o preferisci: tastiera)?
    Qualcuno sta pubblicando (vedi Alessandro D’Avenia) e tu non mi sembri proprio l’ultima della classe ;-)))
    Un abbraccio

  • quidestveritas scrive:

    Grazie Aù di passare di qui, ma non essere così buono con me…;-)

Che cos'è?

Stai leggendo "Ero carcerato e siete venuti a trovarmi" su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: