Le Mille e una notte (dell'Europa)

30 novembre 2009 § 55 commenti

"Il risultato di questo referendum va contro i valori di tolleranza, dialogo e rispetto per i credo di altri popoli che il Consiglio d’Europa e la sua Assemblea parlamentare hanno sempre sostenuto".
Lluís Maria de Puig, presidente dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa

Il minareto è composto da torri (1, 2, 3 o 4) simili ai nostri campanili e circondano la moschea.
Dal minareto cinque volte al giorno il muezzin chiama alla preghiera i musulmani, con altoparlanti.
La voce del muezzin si diffonde per tutto il quartiere, se non per la città.
Il minareto è molto più ingombrante di un piccolo crocifisso.

Polonia forever

27 novembre 2009 § 4 commenti

Proposta di legge che vieterebbe «la produzione, la distribuzione, la vendita o il solo possesso di oggetti che richiamano al fascismo, al comunismo o ad altri simboli di totalitarismi».
[Leggi tutto]

La pena? Fino a 2 anni di reclusione.
A noi basterebbe che fossero cacciati fuori dalle Università italiane.

Aggiornamento dall'Honduras

26 novembre 2009 § 2 commenti

Ottimo, ci speravamo, ricordate?
Ed ora le elezioni.

Dimmi come costruisci e ti dirò chi sei

25 novembre 2009 § 2 commenti

«Nel secoli XII e XIII, a partire dal nord della Francia, si diffuse un altro tipo di architettura nella costruzione degli edifici sacri, quella gotica, con due caratteristiche nuove rispetto al romanico, e cioè lo slancio verticale e la luminosità. Le cattedrali gotiche mostravano una sintesi di fede e di arte armoniosamente espressa attraverso il linguaggio universale e affascinante della bellezza, che ancor oggi suscita stupore. Grazie all’introduzione delle volte a sesto acuto, che poggiavano su robusti pilastri, fu possibile innalzarne notevolmente l’altezza. Lo slancio verso l’alto voleva invitare alla preghiera ed era esso stesso una preghiera. La cattedrale gotica intendeva tradurre così, nelle sue linee architettoniche, l’anelito delle anime verso Dio. Inoltre, con le nuove soluzioni tecniche adottate, i muri perimetrali potevano essere traforati e abbelliti da vetrate policrome. In altre parole, le finestre diventavano grandi immagini luminose, molto adatte ad istruire il popolo nella fede. In esse – scena per scena – venivano narrati la vita di un santo, una parabola, o altri eventi biblici. Dalle vetrate dipinte una cascata di luce si riversava sui fedeli per narrare loro la storia della salvezza e coinvolgerli in questa storia..

Un altro pregio delle cattedrali gotiche è costituito dal fatto che alla loro costruzione e alla loro decorazione, in modo differente ma corale, partecipava tutta la comunità cristiana e civile; partecipavano gli umili e i potenti, gli analfabeti e i dotti, perché in questa casa comune tutti i credenti erano istruiti nella fede».
Benedetto XVI
[Leggi tutto

Oggi la comunità cristiana e civile subisce la costruzione di garage chiamati chiese. Nessuno è più istruito alla fede attraverso gli edifici religiosi (di nuova costruzione, s’intende). Nessun stupore suscitato dalle genialate delle archistar. Nessun linguaggio universale e affascinante della bellezza. Solo pesantezza, bruttura, aspiritualità. La differenza di civiltà si spiega da sola.

   

È tutto sotto controllo

23 novembre 2009 § 17 commenti

A Milano sono aumentati del 25% negli ultimi 3 anni i giovani con malattie a trasmissione sessuale che si sono rivolti al Centro dedicato a questi problemi del Policlinico di Milano. […] ”Vediamo praticamente un nuovo caso di sifilide ogni giorno – spiega Marco Cusini, responsabile del Centro – e le proiezioni dopo i primi 6 mesi del 2009 per i condilomi ci dicono che i nuovi casi sono raddoppiati dal 2006. In lieve aumento anche i nuovi casi di Hiv, 10% in piu’ del previsto rispetto al 2008 e 25% rispetto al 2006”.
[Leggi tutto]

Per prevenire maggiormente basterà anticipare alle elementari le interessantissime lezioni di sessuologia tenute dall’espertissimo e informatissimo personale delle Asl locali.

Facciamoci furbi anche noi

20 novembre 2009 Commenti disabilitati su Facciamoci furbi anche noi

«Oramai sposarsi civilmente non conviene più. Certamente non conviene a Bologna ed in Emilia-Romagna. Anche il locale governatore s’è messo a inseguire Zapatero ed ha introdotto, tramite legge finanziaria, qualsiasi convivenza nell’accesso ai servizi. Già chi è sposato a Bologna, tra single veri o presunti e immigrati, non riesce ad entrare in posizione utile in graduatoria nidi. Un bando casa in arrivo per giovani coppie è riservato a qualsiasi convivenza, purché in essere da due anni. Ironico, come minimo. Chi voglia sposarsi sul serio ora o l’abbia fatto solo qualche mese fa – insomma, una vera giovane coppia – non ci entra. Figuriamoci fra un po’ su tutto il resto. A questo andazzo che disfa la società, la Chiesa – provocazione per provocazione – dovrebbe replicare disdicendo il matrimonio concordatario, cioè eliminare gli effetti civili automatici del matrimonio religioso. Chi ci crede e ha fatto il sacramento ne conosce la portata e tutti i vincoli. Agli effetti civili scelga però la formula che meno lo discrimina, perché oggi, da sposato vero, è un discriminato.
[Leggi tutto]

Perché no? Facciamolo.

Libertà (col pugno chiuso)

19 novembre 2009 § 3 commenti

Bla,bla,bla.

La grande stampa, gli intellettuali, la cultura straparla sempre di "Libertà di stampa" messa in pericolo in Italia, poi sono loro per primi che osteggiano la verità, quella scomoda, e ciò che la racconta. Era successo con Katyn [Trailer], ora succede con Popieluszko [Trailer].

Strano che nei giorni in cui si è festeggiata la caduta del muro non si è mai sentito parlare di Comunismo. Popieluszko è un martire del Comunismo ed uno che ha lottato per la libertà del suo popolo. Celebriamo la caduta del muro non con ridicoli dòmini, ma conoscendo storie vere di persone vere.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per novembre, 2009 su Quid est Veritas?.