Si ricomincia da Uno

8 settembre 2009 § 12 commenti

«Amati Fratelli, nei decenni successivi al Concilio Vaticano II, alcuni hanno interpretato l’apertura al mondo non come un’esigenza dell’ardore missionario del Cuore di Cristo, ma come un passaggio alla secolarizzazione, scorgendo in essa alcuni valori di grande spessore cristiano, come l’uguaglianza, la libertà e la solidarietà, e mostrandosi disponibili a fare concessioni e a scoprire campi di cooperazione.

Si è così assistito a interventi di alcuni responsabili ecclesiali in dibattiti etici, in risposta alle aspettative dell’opinione pubblica, ma si è smesso di parlare di certe verità fondamentali della fede, come il peccato, la grazia, la vita teologale e i novissimi.

Inconsciamente si è caduti nell’autosecolarizzazione di molte comunità ecclesiali; queste, sperando di compiacere quanti erano lontani, hanno visto andare via, defraudati e disillusi, coloro che già vi partecipavano: i nostri contemporanei, quando s’incontrano con noi, vogliono vedere quello che non vedono in nessun’altra parte, ossia la gioia e la speranza che nascono dal fatto di stare con il Signore risorto.

Attualmente c’è una nuova generazione nata in questo ambiente ecclesiale secolarizzato che, invece di registrare apertura e consensi, vede allargarsi sempre più nella società il baratro delle differenze e delle contrapposizioni al Magistero della Chiesa, soprattutto in campo etico. In questo deserto di Dio, la nuova generazione prova una grande sete di trascendenza.»
[Leggi tutto]

Questo brano ha già fatto il giro dei media, forse solo per quell’accenno al "decenni successivi al Concilio Vaticano II". Una polemica sull’errata interpretazione dell’apertura al mondo fa sempre buon brodo: ecco il papa reazionario e blablabla! No, i punti sono due:
1. Si sono fatte concessioni "al mondo", si è cercato di compiacere ai lontani
2. si è smesso di parlare di Verità della fede: peccato, grazia, vita teologale e novissimi

Quali i risultati?

Si è "visto andare via, defraudati e disillusi coloro che vi partecipavano… un deserto di Dio".

Quindi?
Riga sopra e ricominciare…

§ 12 risposte a Si ricomincia da Uno

  • utente anonimo scrive:

    Carissima Quid,
    con quella briciolina di conflitto d’interessi di chi fra pochi giorni, dopo la pausa estiva, tornerà a proporre la ‘Fides et ratio’, mi permetto di aggiungere che, per “ricominciare”, anche quel preziosissimo documento ha un valore particolare.
    Un abbraccio!

  • utente anonimo scrive:

    Ratzinger lo preferisco a Woytila perchè è meno ipocrita.
    Smantelliamo il Concilio!

  • utente anonimo scrive:

    Smantelliamo il Concilio?
    Ma neanche i tradizionalisti più estremi usano queste espressioni… Conosco abbastanza bene i tradizionalisti e nessuno ha mai detto che Wojtyla (che manco sai come si scrive, guarda caso) fosse ipocrita.
    Sai cosa sei? Un mister patacca, un troll.
    Quindi, in base al codice anti-troll, chiudo ogni comunicazione.

  • ago86 scrive:

    E poi non ho mai capito cosa debba fergare di quello che fanno i cattolici ai laici come asmenos. Mah! Si vede che non vogliono perdere occasione di mettere lingua dove gli pare.

  • utente anonimo scrive:

    Orsobruno, errori di battitura capitano a tutti. Vuoi che mi metta a fare le pulci a te?

    Quanto ad Ago86.
    Posso permettermi di desiderare una Chiesa più vicina a come penso dovrebbe essere oppure devo solo tacere?

  • ago86 scrive:

    Non capisco cosa te ne debba importare, visto che non ne fai parte e non intendi farne parte. Sarebbe come se io mi mettessi a fare la formazione della juventus. Cosa vuoi che me ne importi?

  • Asmenos scrive:

    Perchè al mondo non siamo soli Ago86, dobbiamo convivere con chi la pensa diversamente e cercare di viverci nella maniera più armoniosa possibile.

    Ma tu mi fai sempre meno sperare che nella Chiesa ci sia chi è disposto a confrontarsi invece di bearsi e riempirsi d’orgoglio per una presunta verità posseduta.

  • ago86 scrive:

    Stavo pensando la stessa cosa degli atei e di te.

  • Asmenos scrive:

    Ma no!Davvero?
    Acuto…

  • ago86 scrive:

    Questa canzonatura è paradigmatica della tua apertura mentale e della profondità delle tue idee.

  • Asmenos scrive:

    Anche a me piace la parola “paradigmatico”

Che cos'è?

Stai leggendo Si ricomincia da Uno su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: