27 agosto, Santa Monica

27 agosto 2009 § 3 commenti

Quando le preghiere paiono inascoltate, è utile ricordare questo aneddoto:

«Le vicende della vita di Monica sono strettamente legate a quelle di Agostino, così come le racconta lui stesso; lei rimasta a Tagaste continuò a seguire con trepidazione e con le preghiere il figlio, trasferitosi a Cartagine per gli studi, e che contemporaneamente si dava alla bella vita, convivendo poi con un’ancella cartaginese, dalla quale nel 372, ebbe anche un figlio, Adeodato.

Dopo aver tentato tutti i mezzi per riportarlo sulla buona strada, Monica per ultimo gli proibì di ritornare nella sua casa. Pur amando profondamente sua madre, Agostino non si sentì di cambiare vita, ed essendo terminati con successo gli studi a Cartagine, decise di spostarsi con tutta la famiglia a Roma, capitale dell’impero, di cui la Numidia era una provincia; anche Monica decise di seguirlo, ma lui con uno stratagemma la lasciò a terra a Cartagine, mentre s’imbarcavano per Roma.

Quella notte Monica la passò in lagrime sulla tomba di s. Cipriano; pur essendo stata ingannata, ella non si arrese ed eroicamente continuò la sua opera per la conversione del figlio; nel 385 s’imbarcò anche lei e lo raggiunse a Milano, dove nel frattempo Agostino, disgustato dall’agire contraddittorio dei manichei di Roma, si era trasferito per ricoprire la cattedra di retorica. Qui Monica ebbe la consolazione di vederlo frequentare la scuola di s. Ambrogio, vescovo di Milano e poi il prepararsi al battesimo con tutta la famiglia, compreso il fratello Navigio e l’amico Alipio; dunque le sue preghiere erano state esaudite; il vescovo di Tagaste le aveva detto: “È impossibile che un figlio di tante lagrime vada perduto”».

§ 3 risposte a 27 agosto, Santa Monica

  • utente anonimo scrive:

    si è s. Monica che si implora insieme alla Madonna per i nostri figli, specie quando li vedi brancolare in certe situazioni.Ma la forza della preghiera è sempre ascoltata, sempre

  • utente anonimo scrive:

    la preghiera è un arma potente. molto potente. scaccia il divolo, berlicche, l’anticristo. quindi intensifichiamo…. e uniamoci alle suore di clausura.
    grazie
    luisa

  • Cuoredipizza scrive:

    In mio cuore (il quale prima ancora che “cuore di pizza” è “cuore di mamma”) è molto legato alla figura di Santa Monica…

Che cos'è?

Stai leggendo 27 agosto, Santa Monica su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: