Risposta a 'Inno a Satana'

2 luglio 2009 § 13 commenti

Valdicastello Carducci dista 15 km da Viareggio, entrambe in provincia di Lucca.
A Valdicastello nacque Giosuè Carducci che nel 1863 scrisse "Inno a Satana" che nella parte finale elogiava il treno come simbolo del progresso:

E splendi e folgora
Di fiamme cinto;
Materia, inalzati;
Satana ha vinto.
Un bello e orribile
Mostro si sferra,
Corre gli oceani,
Corre la terra:
Corusco e fumido
Come i vulcani,
I monti supera,
Divora i piani;
Sorvola i baratri;
Poi si nasconde
Per antri incogniti,
Per vie profonde;
Ed esce; e indomito
Di lido in lido
Come di turbine
Manda il suo grido,
Come di turbine
L’alito spande:
Ei passa, o popoli,
Satana il grande.
Passa benefico
Di loco in loco
Su l’infrenabile
Carro del foco.
Salute, o Satana,
O ribellione,
O forza vindice
De la ragione!
Sacri a te salgano
Gl’incensi e i voti!
Hai vinto il Geova
De i sacerdoti.

Pare strana la presente associazione di idee? Forse sì, è ardua. Ma non più di quanto è arduo associare la tragedia del 13 febbraio 1983 al Cinema Statuto di Torino (che provocò 64 morti, 32 uomini e 32 donne) in concomitanza con il festival dell’esoterismo che da 5 giorni si svolgeva in città.

L’eterno riposo dona loro, o Signore,
e splenda ad essi la luce perpetua.
Riposino in pace. Amen

§ 13 risposte a Risposta a 'Inno a Satana'

  • Asmenos scrive:

    Dai sii seria. Mettersi dietro a queste cabale non fa onore alla tua intelligenza.

  • ago86 scrive:

    Che poi non ha senso che gli anticlericali usino il treno come simbolo di satana, visto che anche Pio IX si prodigò per far costruire delle ferrovie nei suoi stati. E’ tutto documentato.

  • OrsobrunoBlog scrive:

    Intelligenza?
    L’intelligenza è adequatio intellectus ad rem.
    La realtà è materiale e spirituale.
    Il demonio esiste.
    Certezze non sempre se ne possono avere; nel qual caso è lecito fare ipotesi.
    ERGO quelle considerazioni FANNO ONORE all’intelligenza di Quid.
    Ho detto.🙂

  • Asmenos scrive:

    Orsobruno fatti vedere.
    Ma da uno bravo.

  • quidestveritas scrive:

    La mia è soltanto una meditazione su un fatto e non ha la pretesa di essere la verità. Se permetti, c’è chi crede al complotto sull’11 settembre e fa teorie molto più campate per aria…
    Il tuo ultimo commento invece, Asmenos, non fa onore alla tua intelligenza.

  • Asmenos scrive:

    Ironia Quid, ironia…a volte sorridere fa bene.

  • quidestveritas scrive:

    Sorrido all’ironia, non al sarcasmo.

  • Asmenos scrive:

    Male. Dovresti imparare.

  • quidestveritas scrive:

    Ok. Tu impara però a rispettare gli altri, soprattutto in casa mia.

  • Asmenos scrive:

    Ho mancato di rispetto?

  • quidestveritas scrive:

    Torniamo in topic.

  • utente anonimo scrive:

    cara Anna, capisco sempre meno questo signore che con quella icona orrenda da banco della macelleria, esteticamente è proprio brutta,non c’è di meglio? E’ sempre contrario a te, ma nello stesso tempo ti legge sempre si vede che in fondo apprezza molto il tuo modo di pensare.
    Carducci è sempre grande! Pensa che Fernanda cara signora che ha vissuto ben 2 guerre, si ricordava sempre fino gli ultimi giorni della sua fulgida e lunga vita, di un treno lungo, lungo che la strappò dalla sua adorata Roma con il figlioletto Giuseppe di 2 anni ed il giovane marito che voleva proteggerli dai bombardamenti, trasferendoli in campagna in un casolare ! Un pò triste per una giovane madre che aveva conosciuto a Roma l’amore, la maternità, ed ancor prima la gaiezza di tantissime amiche risate, gioia e felicità. Poi la guerra e all’improvviso quel treno lungo, lungo che non finiva mai pieno di profughi; meno male che c’erano il figlioletto e l’amato marito. Comunque il treno per lei rappresentava sempre un triste mezzo.Pensa preferiva l’areo,bacioni

  • scudieroJons scrive:

    Questa associazione di idee non è strana, è vergognosa e superstiziosa, quanto e più di quella del cinema Statuto.
    Chi si mette le parole del Vangelo nell’intestazione del blog non dovrebbe nemmeno lontanamente fare una simile associazione. E’ semplicemente un peccato mortale.

Che cos'è?

Stai leggendo Risposta a 'Inno a Satana' su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: