Ambiguità

22 aprile 2009 § 8 commenti

Avete presente quei cataloghi editoriali ai quali ci si associa comprando 3 libri a 7.90 E? Siamo soci da una quindicina di anni ad una di queste iniziative editoriali. Ebbene, è da un po’ che li tengo d’occhio: il catalogo che propongono è sempre stranamente filo-anti-cristiano. Sempre ben evidenziati i libri di Brown, i libri falsamente storici, come quelli di Augias, i libri pseudo-esoteraci, come il Vangelo di Giuda, ecc.. Per contro i libri cattolici che vanno per la maggiore, e che vendono più di Brown, non so, Socci, Messori, il Papa, rimangono in catalogo pochissimo (a volte neppure) e mai inseriti in offerte vantaggiose.

Forse sto facendo pubblicità controproducente e qualcuno che capita qui per sbaglio si andrà ad iscrivere di corsa a una di queste "case editrici". Non importa, qualche buon libro lo si trova anche lì.

Quel che importa è rendersi conto delle cose.

§ 8 risposte a Ambiguità

  • OrsobrunoBlog scrive:

    Cara quid,
    questa faccenda della pubblicità controproducente sta diventando quasi un’ossessione collettiva (non parlo di te).
    Tu vai avanti tranquilla: il tuo blog, infatti, lo vedo pochissimo interessante dal punto di vista degli esoterici e degli gnostici🙂
    Ciao!

  • graciete scrive:

    Concordo con te, so di diversi libri che sono sempre esauriti in lbreria per la grande richiesta, eppure non compaiono mai nelle classifiche dei più venduti chissà perché.

  • Pokankuni scrive:

    Per una ragione analoga a quanto tu denunci, io vado a comprare sempre i libri cattolici in librerie non cattoliche, quelle grosse tipo Feltrinelli o Fnac, e se non ce li hanno richiedo tanto cortesemente di farli arrivare… :o)

  • utente anonimo scrive:

    Se può essere di qualche consolazione anche sul catalogo piemme la situazione non è esageratemente migliore. Socci e Messori ci sono solo perchè sono editi da loro ma presto passano da pagina 3 a pagina 9999 e il carattere di stampa si riduce di conseguenza. Il punto è che chi cerca di essere veramente cristiano sta generalmente antipatico al mondo. Da parte mia vorrei restare simpatico a Gesù… un caro saluto e avanti così.

  • quidestveritas scrive:

    Bisogna anche ammettere che le librerie cattoliche sono le prime a piegarsi alla logica delle grandi case editrici.

    P.S. Eh, eh, Orso, devo ammettere che l’ho scritto un po’ pensando a te…😉

  • OrsobrunoBlog scrive:

    Carissima quid,
    il sesto senso maschile non ha nulla, ma proprio nulla a che vedere con quello femminile… però qualche lampo nelle ombre a volte lo scorgiamo anche noi :-)))))))
    Mi ha fatto molto piacere soprattutto l’ultima frase: perchè distingue bene lo stupidotto che parla senza accorgersi di favorire il nemico, dalla persona che parla perchè sa che è bene parlare (anche se ovviamente farà il possibile per minimizzare i rischi).
    Grazie e a presto!🙂

  • OsteriaVolante scrive:

    Già, purtroppo è una delle ricadute dell’ “egemonia culturale”: non c’è bisogno di un’autorità morla eche metta all’indice quei libri, perchè ormai c’è l’autocensura

    L’oste

  • nihilalieno scrive:

    A dire il vero, secondo me quei cataloghi editoriali servono alle case editrici per vendere l’invenduto… perciò non mi stupisce che siano pieni di ciofecate! E’ normale che downbrown stia lì, è il suo posto giusto, tra il kamasutra illustrato e il libro della Smorfia…
    Anche io frequento ostentatamente la Feltrinelli col mio abito nero, e li costringo a procurarmi i libri religiosi… non solo mi diverte, ma mi riesce più facile che con le Paoline, che fingono ostentatamente di non riuscire a procurarsi i testi di … come ha detto che si chiama? Russani? Giustani?

Che cos'è?

Stai leggendo Ambiguità su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: