Che cubo!

29 aprile 2009 § 8 commenti

Pur considerando il commitente colpevole di sfuggire alla propria priorità, quella di insegnare la Bellezza e dunque la Verità, ed averlo scritto qui, troviamo altresì curioso che una delle famose archistar che si è fatto artefice di un appello contro il "Piano casa" perché metterebbe a rischio la tutela del territorio possa liberamente costruire un "ecomostro" che va ad intaccare lo stupendo paesaggio umbro di Foligno, come si può ben vedere dalla foto qui sotto. In fondo di che si lamenta Fuksas, i tecnici non avranno problemi a concedergli l’aumento della cubatura della sua creatura… 

Dubbio o forse no

28 aprile 2009 § 5 commenti

È l’arte ad aver abbandonato la Chiesa o la Chiesa ad aver abbandonato l’arte?

In Hoc Signo vinces

27 aprile 2009 § 9 commenti

Questo è il palco della Gaston Hall della Georgetown University, rinomata università cattolica americana. Come si può vedere, nonostante il palco sia occupato da pannelli, il monogramma di Cristo, IHS, campeggia ben distintamente sopra la scenografia: 

Questo è invece la foto di come si presentava il palco presidenziale il 14 aprile scorso, poco prima della visita di Obama alla suddetta università. Come si può ben vedere, il monogramma è stato oscurato, nascosto, coperto, censurato.

Ne deduciamo che non è In Hoc Signo che costui ha vinto. Tutt’altro.

I lupi vestiti da pecora

24 aprile 2009 § 1 Commento

Mi dicevano di un sacerdote che ha mandato via dalla sua parrocchia un gruppo di preghiera di Padre Pio qui presente da prima che lui arrivasse, gruppo composto da signore che hanno la faccia tosta di incontrarsi per pregare, magari per dire il rosario, anatema!. Non stento a crederlo. Questi è tra quei zelanti sacerdoti che preferiscono benedire i DI.CO e se la prendono con Povia e Luca che non è più gay. Non ci si scandelizza, visto che ci sono fior di vescovi che straparlano anche di cose ben più gravi. Viene da domandarsi però se questi siano più buon pastori o piuttosto lupi vestiti da pecora che entrano nottetempo nell’ovile per far fuggire qualche ingenua pecorella.

Ambiguità

22 aprile 2009 § 8 commenti

Avete presente quei cataloghi editoriali ai quali ci si associa comprando 3 libri a 7.90 E? Siamo soci da una quindicina di anni ad una di queste iniziative editoriali. Ebbene, è da un po’ che li tengo d’occhio: il catalogo che propongono è sempre stranamente filo-anti-cristiano. Sempre ben evidenziati i libri di Brown, i libri falsamente storici, come quelli di Augias, i libri pseudo-esoteraci, come il Vangelo di Giuda, ecc.. Per contro i libri cattolici che vanno per la maggiore, e che vendono più di Brown, non so, Socci, Messori, il Papa, rimangono in catalogo pochissimo (a volte neppure) e mai inseriti in offerte vantaggiose.

Forse sto facendo pubblicità controproducente e qualcuno che capita qui per sbaglio si andrà ad iscrivere di corsa a una di queste "case editrici". Non importa, qualche buon libro lo si trova anche lì.

Quel che importa è rendersi conto delle cose.

Annuncio

21 aprile 2009 § 4 commenti

Per nostra grande fortuna abbiamo conosciuto in prima persona il movimento di Comunione e Liberazione solo da qualche anno. Grande fortuna non di averlo conosciuto (anche), ma di averne avuto la possibilità dopo un lungo periodo di non-appartenenza all’associazionismo e al movimentismo cattolico. Solo una sana "apolidìa" ci ha permesso di cogliere l’urgenza di conoscere più da vicino i "ciellini".

Certo, fosse uscito prima "Don Giussani" di don Massimo Camisasca forse saremmo corsi prima appresso al movimento. Libro che introduce al pensiero complesso ma affascinante di don Giussani, di cui viene ripercorso cronologicamente e in modo tematico – a mo’ di bigino – lo sviluppo e l’approfondimento della sua "idea" di Cristianesimo. Adoperiamo la parola "idea" sapendo che essa va in direzione diametralmente opposta rispetto a ciò che don Giussani pensa del Cristianesimo:

«Il richiamo al fatto cristiano non può più fondarsi su una storia, una tradizione: essa non dà più motivi sufficienti per una vera adesione. Il motivo di una adesione al cristianesimo non può essere che l’incontro con un annuncio, con un messaggio nuovo. Con la parola "annuncio" intendiamo una presenza carica di messaggio. L’annuncio non è tanto una teoria che viene comunicata, ma è un modo di presenza che contiene un messaggio».
[pp. 101-102] 

Vandea

20 aprile 2009 § 5 commenti

Il 9 aprile scorso è stata ritrovata una fossa comune in cui sono state ritrovate i poveri resti di migliaia di vandeani, donne e bambini compresi, vittime del terrore rivoluzionario giacobino, in realtà, non ancora "Terrore", ma già di fatto, e primo genocidio della storia. Quello che si può leggere in merito non è molto, qualcosa su Il Domenicale di un paio di settimane fa e soprattutto qui.

Dove sono?

Stai visualizzando gli archivi per aprile, 2009 su Quid est Veritas?.