Cerimonie

8 novembre 2007 § 7 commenti

[Monsignor Guido Marini, nuovo cerimoniere papale, in occasione della Messa per la Memoria dei Cardinali defunti, celebrata il 5 novembre,] ha “condotto le danze” con fare composto, spirituale. Qualche giorno prima aveva dichiarato: «Non sono qui per fare invenzioni ma per applicare scrupolosamente le norme liturgiche». E tanto ha fatto. Per tutta la messa è stato accanto al Papa tenendo le mani giunte, come si conviene. Indossava un rocchetto (una sorta di camice corto) con tanto di pizzo, rispolverato per l’occasione dopo anni di dimenticatoio.

La liturgia è stata un sontuoso ritorno dell’orientamento verso Oriente, verso il Signore veniente, colui che dall’alto risorge e indica la strada della salvezza. Un ritorno che sa di antico, di messa pre conciliare, e che lunedì si è esplicitato prettamente nella presenza della croce nel bel mezzo dell’altare, posta sopra la sacra mensa con accanto – come si conviene – i sei candelieri accesi.

Benedetto XVI ha celebrato fronte al popolo ma, grazie allo spostamento della croce dal lato dell’altare al centro di esso, ha ridato un obiettivo comune allo sguardo suo e dell’assemblea, il tutto nel segno di una corretta visione democratica dell’ortoprassi liturgica.

Lo aveva detto bene, il cardinale Ratzinger, anche in "Introduzione allo spirito della liturgia": «Tra i fenomeni veramente assurdi del nostro tempo io annovero il fatto che la croce venga collocata su un lato per lasciare libero lo sguardo sul sacerdote. Ma la croce, durante l’eucaristia, rappresenta un disturbo?».
[Leggi tutto]

§ 7 risposte a Cerimonie

Che cos'è?

Stai leggendo Cerimonie su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: