Pinocchio

13 agosto 2007 Commenti disabilitati su Pinocchio

Io non capisco – prosegue, allargando il discorso – perché dobbiamo accostarci a certe opere letterarie con un pregiudizio negativo, e non con una certa, sana ingenuità. Prendiamo per esempio Pinocchio; certamente è stato scritto da un massone anticlericale, ma il cardinal Biffi ci ha fatto vedere che è una parabola della condizione umana nella sua ribellione e nella ricerca di Dio. O prendiamo Cuore, anch’esso scritto da un massone socialista umanistico, privo di ogni riferimento religioso: perché la mamma di don Giussani lo leggeva tutti i giorni ai figli, tanto che lui ha ricordato questo fatto nella predica al funerale di lei? Perché, come il cardinal Biffi, dentro un’educazione cristiana vedeva anche quello che l’autore non sapeva di averci messo. Perché i libri hanno la loro storia, più grande dei loro autori, e lo sguardo cristiano sa spezzare anche gli equivoci dell’ideologia».


Renato Farina in «Ma che stregoneria è questa?»

I commenti sono chiusi.

Che cos'è?

Stai leggendo Pinocchio su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: