Stranezze

19 giugno 2007 § 10 commenti

Strano paese l’Italia. C’è chi promuove risoluzioni contro la pena di morte (solamente per quella americana of course, non certo per quella in Iran e in Cina), i “cattivi maestri” insegnano nelle Università, gli ergastolani hanno i permessi premio nelle biblioteche; però ci si indigna se un 93enne in “carcere”, dopo un’assoluzione seguita da un golpe giudiziario che nemmeno a Buenos Aires hanno mai visto, esce per qualche ora per un permesso di lavoro. W l’Italia, il paese della monnezza e degli stilisti.

§ 10 risposte a Stranezze

  • DiabolicaMente scrive:

    La moratoria riguarda tutti i paesi. Priebke non è un innocuo pensionato, quale giustizia per le vittime e i loro familiari?

  • quidestveritas scrive:

    La moratoria riguarda tutti i paesi, ma quelli non democratici non sapranno che farsene, quindi è inutile.

    Priebke ha 93 anni. Non ammorbidire la carcerazione è condannarlo a morte. Ma tu non sei contro la pena di morte? E questa cosa è? Sofri è stato condannato all’ergastolo, eppure è fuori a fare i propri comodi. Due pesi, due misure. Come sempre in Italia.

    La giustizia per le vittime e i loro familiari viene prima di tutto. D’accordissimo. Peccato che per le vittime italiane del terrorismo rosso non vale la stessa cosa. Ex terroristi incensati e adorati, professori, sottosegretari, ecc. Due pesi, due misure. Come sempre in Italia.

  • DiabolicaMente scrive:

    Sono a favore del carcere a vita pure per i brigatisti.

  • accalarenzia scrive:

    Sono contrario al carcere a vita. C’è dell’ ipocrisia nell’ affare Priebke. Non si capisce perchè si assume che qualcuno era costretto e qualcun’ altro no. Se vale per Ratzinger e la Hitlerjugend deve valere anche per Priebke. Oppure, a scelta, non deve valere per nessuno. Ma l’ ergastolo è come la pena di morte e deve essere tolto.

  • quidestveritas scrive:

    Mi sembra che in Italia l’ergastolo equivalga ai 30 anni, mi sembra.

    Acca, sii onesto intellettalmente. Ratzinger aveva 14 anni. Non è paragonabile alla colpa di Priebke. Anzi, è totalmente innocente (è come colpevolizzare qualcuno di essere stato un balilla…). Ciò non toglie che un 93 deve essere libero (soprattutto dopo il golpe giudiziario di cui fu vittima).

  • accalarenzia scrive:

    E’ la stessa cosa perchè sia Ratzinger che Priebke hanno affermato che sono stati costretti.

  • DiabolicaMente scrive:

    http://www.crimelist.it/index.php?option=com_content&task=view&id=374&Itemid=2

    Il carcere a vita lo giustifico col fatto che assassini di questo tipo possano godere dell’aria, del sole e di tante altre cose che hanno strappato alle loro vittime.

  • quidestveritas scrive:

    Priebke non era un SS? Le SS erano corpi scelti.

    La “Gioventù hitleriana” non è certo paragonabile alle SS, anche per via dell’età dei ragazzi.

  • accalarenzia scrive:

    Facevo una considerazione sulla volontarietà dell’ adesione. Essere un soldato della Wermacht era obbligatorio, essere una SS no. Ma qui non c’ entra perchè Priebke ha eseguito ordini. E’ stato costretto. Ratzinger non ha mai portato la giovane età come giustificazione. Ha detto anche lui di essere stato costretto. Non mi risulta però che fosse obbligatorio iscriversi alla gioventù hitleriana ………

  • quidestveritas scrive:

    Penso di sì, soprattutto in tempo di guerra. Joseph è stato reclutato credo sul finire della guerra, quando ormai la gioventù tedesca era sottoterra…
    Vabbhè, comunque ci siamo capiti…

Che cos'è?

Stai leggendo Stranezze su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: