Guardiani dei rotoli

23 maggio 2007 § 15 commenti

Ci si mette una settimana a leggere "Il Foglio" del sabato, almeno da parte mia, ma ne vale sicuramente la pena. Quello di sabato 19 maggio era un numero eccezionale. Da leggere assolutamente questo inserto sui "guardiani dei rotoli", gli studiosi italiani e israeliani che devono compiere l’impresa di salvare i famosi rotoli di Qumram, gli straordinari documenti ritrovati sulle sponde del Mar Morto e facenti parte della "biblioteca" della comunità essena.

 «Ma perché per un cristiano è particolarmente importante conoscere la storia degli esseni, gente dedita ad un’intensa vita spirituale, alla povertà e alla penitenza? Le parole successive di Papa Ratzinger ci forniscono una spiegazione semplice e convincente: "Sembra che Giovanni il Battista, ma forse anche Gesù e la sua famiglia, fossero vicini a questa comunità. In ogni caso i manoscritti di Qumran presentano molteplici punti di contatto con l’annuncio cristiano. Non è da escludere che Giovanni il Battista abbia vissuto per qualche tempo in questa comunità e abbia in parte ricevuto da essa la sua formazione religiosa".

§ 15 risposte a Guardiani dei rotoli

  • ago86 scrive:

    Però ricordiamo che la dottrina degli esseni ha poco in comune col cristianesimo, inoltre non è certo detto che Gesù li abbia frequentati. Lo dico perché alcuni hanno avanzato l’ipotesi che il cristianesimo fosse “un essenismo che ha avuto successo” e che Gesù abbia studiato dagli esseni e che perciò a 12 anni insegnava al tempio.

  • quidestveritas scrive:

    S’, vero. Gli estremisti e i fantasiosi saltano fuori come pulci. Ma ormai pare assodato un certo legame tra, per esempio, Giovanni il Battista e gli esseni.
    Tutto sta a manternersi legati alle scoperte scientifiche e non fare voli pindarici alla Dan Brown.

  • Faber18 scrive:

    Stando a quanto ho letto io, gli Esseni erano una comunità che si staccò dalla società ebraica giudicandola “impura” per ricostituire il germe “santo” di Israele. Un esclusivismo che tagliava fuori gli ebrei peccatori, figuriamoci i non-ebrei. Leggo ad esempio che nel Libro dei Giubilei, gli Esseni sanciscono che l’uomo che da la propia figlia in sposa ad uno straniero sia lapidato e la figlia bruciata. Fatico molto a pensare che Gesù avesse bisogno di uno “stage” da costoro.

  • Cuoredipizza scrive:

    «…dobbiamo chiedere lo Spirito, come gli apostoli, perché solo “nell’avvenimento di questo dono, la solitudine umana è sciolta”, “l’esperienza umana non è più quella di una impotenza desolante [perciò scettica]: ma quella di una consapevolezza e di una energica capacità»
    [Don J. Carron]

    Buona Pentecoste!
    Cuoredipizza

  • ago86 scrive:

    Lo stesso Messori ha sottolineato che la “pista essena” è stata abbandonata dagli studiosi seri da quando si è scoperto di più sulla loro dottrina. Questo però non impedisce a certa gente di andare in giro a dire “Gesù era esseno, sapeva di non essere Dio, era il predecessore di Maometto, eccetera”.

  • utente anonimo scrive:

    > Lo stesso Messori…

    Hai detto niente.

    Hans

  • ago86 scrive:

    Hans, se non ci credi sono affari tuoi, lui riporta solo che gli studiosi hanno abbandonato da tempo questa pista. Se vuoi credere che la studino ancora, sono affari tuoi.

  • Faber18 scrive:

    What’s the problem with Messori?

  • utente anonimo scrive:

    >Hans, se non ci credi sono affari
    >tuoi, lui riporta solo che gli studiosi
    >hanno abbandonato da tempo
    >questa pista.

    Il che non è assolutamente vero.

    >Se vuoi credere che la studino
    >ancora, sono affari tuoi.

    Qui, per una volta, non c’è bisogno di credere o non credere. Non servono atti di fede. I rapporti tra la cosiddetta letteratura qumraniana e il primo cristianesimo vengono tuttora studiati. Punto e basta.

    Il problema di Messori, per rispondere a Faber18, è che è poco informato e fazioso. Come studioso di cristianesimo delle origini vale poco o nulla.

    Hans

  • utente anonimo scrive:

    Se vi interessa leggere uno studioso cattolico del primo cristianesimo – in particolare dei documenti più antichi della cristianità – che sia bravo, competente e soprattutto onesto (a differenza di Messori che non è niente di più che un uomo-sandwich del Vaticano) allora andate sul sito di Gianluigi Bastia alias Hard Rain.

    http://digilander.libero.it/Hard_Rain

    Saluti.

    Hans

  • ago86 scrive:

    Conosci l’opinione dei qumraniti sulle donne? No. Conosci come trattavano chi non faceva parte della comunità? No. Conosci cosa facevano il sabato? No. Ebbene, tutte queste cose sono del tutto in contrasto col cristianesimo. Su Qumran si fanno un casino di studi, con le ipotesi peggiori possibili. Vuoi conoscere uno studioso delle origini del cristianesimo? Eccotelo: piccolozaccheo.splinder.com Messori ti sta antipatico? Affari tuoi, ma mi devi dimostrare che le cose che scrive sono idiozie. Dici che scrive per il vaticano? Allora il vaticano dice solo idiozie, implicazione logica. Se vuoi credere a queste cose, affari tuoi.

  • utente anonimo scrive:

    >Conosci l’opinione dei qumraniti
    >sulle donne? No. Conosci come
    >trattavano chi non faceva parte
    >della comunità? No. Conosci cosa
    >facevano il sabato? No.

    Studio approfonditamente questi argomenti da anni. Quidestveritas mi è testimone.

    Io non ho detto che né che Gesù fosse un esseno (ammesso che la biblioteca ritrovata a Qumran sia espressione della setta essena) né che la dottrina dei qumraniani combaci esattamente con quella predicata da Cristo così come essa è stata riportata nei vangeli canonici. Purtroppo tu sei prevenuto nei miei riguardi (ma non solo nei miei, sei prevenuto in generale e si capisce dai tuoi toni aggressivi e dal fatto che stai sulla difensiva) e hai già deciso che cosa io pensi di Qumran, del primo cristianesimo e probabilmente anche di qualche altro argomento. Io, però, mi sono limitato a sottolineare che non è vero che adesso non si studino più i documenti qumraniani ponendoli in relazione con la nascita del cristianesimo. Chiunque sostenga ciò, dice una baggianata enorme e sfido chiunque a smentirmi.

    Hans

  • ago86 scrive:

    Dipende dai motivi degli studi. Mentre in passato si pensava che gli esseni fossero l’origine della religione cristiana, oggi si tende a scartare questa ipotesi.

  • AnnaV scrive:

    Davvero interessante l’articolo proposto!

    Certo che per dare un giudizo credibile su quei rotoli occorre averli esaminati con meticolosità e analizzati in modo accurato dal punto di vista filologico e storico: il che, a quanto ho visto, deve ancora essere fatto.

    Prima che questo accada tutte le invenzioni e le speculazioni hanno l’unico fine di far quattrini!
    E ci sono gli allocchi che ci cascano!

  • finazio scrive:

    Non male come discussione se Dio esistesse davvero.

Che cos'è?

Stai leggendo Guardiani dei rotoli su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: