30 dicembre 2006 § 3 commenti

Te Deum laudámus:
te Dóminum confitémur.
Te ætérnum Patrem,
omnis terra venerátur.
Tibi omnes ángeli,
tibi cæli
et univérsæ potestátes:
tibi chérubim et séraphim
incessábili voce proclámant:
Sanctus, Sanctus, Sanctus,
Dóminus Deus Sábaoth.
Pleni sunt cæli et terra
maiestátis glóriæ tuæ.
Te gloriósus
apostolòrum chorus,
te prophetárum
laudábilis númerus,
te mártyrum candidátus
laudat exércitus.
Te per orbem terrárum
sancta confitétur Ecclésia,
Patrem imménsæ maiestátis;
venerándum tuum verum
et únicum Fílium;
Sanctum quoque
Paráclitum Spíritum.
Tu rex glóriæ, Christe.
Tu Patris sempitérnus es Filius.
Tu, ad liberándum susceptúrus hóminem,
non horrúisti Virginis úterum.

Tu, devícto mortis acúleo,

aperuísti credéntibus regna cælórum.
Tu ad déxteram Dei sedes,
in glória Patris.
Iudex créderis esse ventúrus.
Te ergo quǽsumus,
tuis fámulis súbveni,
quos pretióso sánguine redemísti.
Ætérna fac cum sanctis tuis
in glória numerári.
(*)Salvum fac pópulum tuum, Dómine,
et bénedic hereditáti tuæ.
Et rege eos, et extólle illos
usque in ætérnum.
Per síngulos dies benedícimus te;
et laudámus nomen tuum
in sǽculum, et in sǽculum sǽculi.
Dignáre, Dómine,
die isto sine peccáto nos custodíre.
Miserére nostri, Dómine, miserére nostri.
Fiat misericórdia tua,
Dómine, super nos,
quemádmodum sperávimus in te.
In te, Dómine, sperávi:
non confúndar in ætérnum.

§ 3 risposte a

  • unapersonaintorno ha detto:

    Auguri cara Quid..qui e di là!!! E dovunque! ‘N do stai?? 🙂

    Un meraviglioso 2007 !!
    PS: Questa la do da tradurre ai miei ragazzi di rip.! 😉

  • sazerbi ha detto:

    Benvenuto Duemilaesette.

    Vieni, Spirito Santo. Vieni, luce vera. Vieni, vita eterna. Vieni, mistero nascosto. Vieni, tesoro senza nome. Vieni, realtà ineffabile. Vieni, felicità senza fine. Vieni, luce senza tramonto. Vieni, risveglio di coloro che si sono addormentati. Vieni, risurrezione dei morti.

    Vieni, o Potente, che sempre crei e ricrei e trasformi ogni cosa con il tuo solo volere.

    Vieni, tu che sempre permani immobile e i ad ogni istante tutto ti muovi e vieni a noi, che giacciamo fra i morti, o tu che sei al di sopra del cielo. Vieni, gioia eterna. Vieni tu che ha bramato e brama la mia misera anima. Vieni, tu il Solo, verso il solo, poiché, lo vedi, io sono solo.

    Vieni, tu che mi hai separato da ogni cosa e mi hai fatto solitario in questo mondo. Vieni, tu che sei divenuto in me desiderio, che ti desiderassi,o del tutto inaccessibile. Vieni, mio respiro e mia vita. Vieni, consolatore della mia povera anima. Vieni, mia gioia, mia gloria,mie delizie senza fine. Ti rendo grazie perché sei divenuto un solo spirito con me (Rm 8,16), senza confusione, senza variazione, senza mutamento, tu il Dio al di sopra di tutto, e per essere, in me, divenuto tutto in tutti (1 Cor 15,28)… Ti rendo grazie di essere per me luce senza vespero e sole senza tramonto ; non avendodove nasconderti, tu che riempi della tua gloria l’universo ! Proprio mai, ti sei nascosto ad alcuno: siamo noi a nasconderci sempre da te, rifiutando di venire a te… Vieni dunque, o Maestro, oggi pianta in me la tua tenda (Gv 1,14) ; fa’ la tua dimora, e dimora continuamente, inseparabilmente, fino alla fine, in me tuo servo, o buono, e che anch’io, alla mia uscita di questo mondo, mi ritrovi in te, o buono, e regni con te, Dio che sei al di sopra di tutto.

    (Simeone il Nuovo Teologo, Anno di Grazia 949-1022)

  • quidestveritas ha detto:

    Grazie Upi e grazie sazerbi. Che il 2007 sia per voi un anno di grazia.

Che cos'è?

Stai leggendo su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: