17 febbraio 2006 § 4 commenti

Ho terminato di leggere “Il Miracolo” di Vittorio Messori, breve ricostruzione del più importante miracolo che la cristianità ricordi: il reimpianto di un arto amputato ben due anni e mezzo prima. Avvenne a Calanda, paese aragonese, dove il protagonista, Miguel Pellicer, un giovane contadino che perse la gamba a causa di una caduta sotto un carro, la riebbe grazie all’intercessione della Virgen del Pilar.
Sappiamo bene che i miracoli non sono indispensabili alla fede di un credente, ma allo stesso modo, un cristiano sa che niente è impossibile a Dio e perciò non si meraviglierà di questi fatti sconvolgenti, testimoniati da un atto notarile e da altri documenti incontestabili.
Ovviamente un non credente può trovare i fatti contestabili, come nel caso del CICAP, ma è anche vero che chi è aperto al Mistero non potrà che prendere atto di un fatto inspiegabile.
Soprattutto se a dirlo è uno scienziato come Landino Cugola, che è stato (non sappiamo se ancora) primario dell’Unità operativa di chirurgia della mano e dell’arto superiore: Il Miracolo di Calanda: osservazioni di ortopedico.

 

 

§ 4 risposte a

  • cogitor ha detto:

    Un affettuoso e fraterno saluto.

  • AlessandroG ha detto:

    Diceva Chesterton: “i miracoli hanno una caratteristica veramente bella e commovente, il fatto che veramente esistono.[..]Chi crede ai miracoli lo fa perché ha delle prove a loro favore. Chi li nega è perché ha una teoria contraria ad essi.”
    e aggiungeva: “chi ha fede, davanti ai miracoli è libero di crederci o meno senza che venga intaccata la propria fede, mentre un ateo è schiavo, non è libero di crederci”.

  • utente anonimo ha detto:

    Disculpa que escriba en Español, el Italiano lo entiendo pero no lo hablo..

    Durante nuestra guerra civil hubo un milagro de la Virgen mucho mas espectacular, cuando un avion comunista tiro dos bombas contra la Virgen y todos los que se refugiaban en el templo…
    Las bombas rompieron el tejado, y cayeron frente a la Virgen sin explotar… ni siquiera nadie fue herido pese a que la iglesia estaba llena de gente..
    Aqui tienes la fotografia de las bombas:
    http://static.flickr.com/21/26829312_4903488378_o.jpg

  • quidestveritas ha detto:

    Grazie per questo commento.

    Anche nella mia città si è verificato un miracolo simile. Durante la prima guerra mondiale una bomba finì su una cappella dedicata alla Madonna ma non esplose. È ancora lì, inesplosa, al centro della cappella. Oggi la Chiesa si chiama “Madonna della bomba”.

Che cos'è?

Stai leggendo su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: