22 settembre 2005 § 5 commenti

«Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto».
(Gv 15, 1-2)

 

MA SAPPIAMO ACCETTARE LA POTATURA?

§ 5 risposte a

  • tuttoegrazia ha detto:

    la potatura è tosta…
    i tagli sono sempre difficili da accettare e… da fare. grazie! con il tuo post mi hai fatto intuire una soluzione ad un problema…
    un abbraccio

  • talete ha detto:

    La potatura fa male a quel fusto che vive in superficie. Che si guarda dal di fuori e si vede tronco spoglio.
    Se ci pensiamo bene, però, le radici non vengono mai toccate.
    Solo che, stando sottoterra, nessuno ci pensa, nessuno se ne accorge!!!
    E pensare che la vita della pianta dipende solo da loro!…

  • Cuoredipizza ha detto:

    La vera questione è chiedere la grazia di accorgersi che i tagli che subiamo in legno vivo sono potature; e come tali accoglierli.
    Di solito io li scambio per strappi inutili, sofferenze più o meno immeritate. Il difficile non è tanto sopportarli, quanto fidarmi di Chi li pratica.
    Solo nella preghiera, piano piano, imparo a vederli per come realmente sono: carichi di senso…

  • ggraceffa ha detto:

    Il Vignauolo è un esperto, tutta la camapagna di raccolta finale dell’uva, Lui lo sà, dipende dalla potatura che conclude la fase dell’anno vecchio e comincia quella della futura raccolta del frutto. Tanto più accurata sarà la potatura tanto più abbondante sarà il raccolto.
    Piccola nota di esperienza, mio padre ha un piccolo appezzamento di terra con un vigneto (ottimo nero d’avola), per tantissimo si era affidato ad un potatore professionista, ed il raccolto era soddisfacente, poi decise di potarsela da se e per i primi anni il raccolto fu scarsissimo, con il tempo e la passione è riuscito a capire i tralci ta tagliare e quelli da mantenere.
    Conclusione, preghiamo per portare frutto in abbondanza ed il Vignauolo al tempo della potatura ci terrà attacati alla vite.
    Un abbraccio in Cristo nostro Signore, buona e santa Domenica.

  • Psicovirginio ha detto:

    Appunto, dipende da chi è il vignauolo… Comunque bella domanda, davvero.

Che cos'è?

Stai leggendo su Quid est Veritas?.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: