I lupi vestiti da pecora

24 aprile 2009 § 1 commento

Mi dicevano di un sacerdote che ha mandato via dalla sua parrocchia un gruppo di preghiera di Padre Pio qui presente da prima che lui arrivasse, gruppo composto da signore che hanno la faccia tosta di incontrarsi per pregare, magari per dire il rosario, anatema!. Non stento a crederlo. Questi è tra quei zelanti sacerdoti che preferiscono benedire i DI.CO e se la prendono con Povia e Luca che non è più gay. Non ci si scandelizza, visto che ci sono fior di vescovi che straparlano anche di cose ben più gravi. Viene da domandarsi però se questi siano più buon pastori o piuttosto lupi vestiti da pecora che entrano nottetempo nell’ovile per far fuggire qualche ingenua pecorella.

§ Una risposta a I lupi vestiti da pecora

  • OrsobrunoBlog scrive:

    Cara Quid,
    questo vescovo tedesco… vorrebbe ridire le cose in modo diverso, con parole più gradite alla sensibilità contemporanea. Ma non si accorge che le parole selezionate in duemila anni dalla Chiesa, non sono facilmente sostituibili: cambiandole temerariamente, si finisce con l’affermare una serie di errori grandi come palazzi.
    Sul parroco che caccia il gruppo di preghiera di Padre Pio… mi mancano le parole… e sai che per me è singolare ;-)
    Ciao!

Che cos'è?

Stai leggendo I lupi vestiti da pecora su Quid est Veritas?.

meta

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: